NEIF MARMOLEDA


Neif Marmoleda è una azione artistica nata dalla collaborazione con Claus Soraperra, che ha come obiettivo la sensibilizzazione del disgelo dei ghiacciai, attraverso l'arte come veicolo di comunicazione. La presenza della Marmolada all'interno del gruppo delle Dolomiti di Fassa apre scenari di dibattito e discussione che sono attuali e sensibili all'interno della comunità ladino - fassana.
Le problematiche legate al riconoscimento della Marmolada come Regina delle Dolomiti e le possibilità di apprezzarla nella sua potenza evocativa, sembrano rimanere un concetto volutamente "congelato" da una politica che fatica a dare risposte concrete e condivise, garantendo così uno status quo che penalizza l'immagine di Fassa.
Noi pensiamo che attraverso il problema del disgelo globale possiamo attirare l'attenzione di ogni singolo sulla questione della presenza appunto di questo ghiacciaio è sulle possibilità di farlo rivivere con le sue intrinseche potenzialità.
Il giorno 7 settembre 2014 a quota 2850 metri, in località Pian dei Fiacconi, abbiamo raccolto in 35 contenitori di plastica trasparente la neve della Marmolada, segnando la data, la latitudine (46°26' N), la longitudine (11°51' E), l'ora, numerando e firmando ogni singolo contenitore.
Un mese dopo, il 3 ottobre 2014, attraverso una performance abbiamo presentato l'azione artistica presso la Frida Street Gallery, consegnando ai presenti la neve "inscatolata" ricordando che ognuno di noi può simbolicamente far la propria parte nella salvaguardia e conservazione del pianeta.
Pensiamo che la soluzione dei problemi debba necessariamente partire dalla sensibilizzazione culturale.

FRIDA STREET GALLERY


La presentazione del progetto Neif Marmoleda si è svolta il 3 ottobre 2014 a Canazei, in occasione dell' apertura ufficiale della FRIDA STREET GALLERY , uno spazio autogestito con Claus Soraperra dove, da un paio d'anni, esponiamo opere nate da idee comuni con il fine di riflettere sulla società contemporanea tramite il linguaggio dell'arte, divulgando il nostro pensiero direttamente fra la gente che passa per strada.

LA USC DI LADINS 17.10.2014


L'articolo a cura di Valentina Redolfi della Usc di Ladins, parla della presentazione del progetto Neif Marmoleda presso la Frida Street Gallery, tenutasi a Canazei il 10 ottobre.

TRENTINO 5.10.2014


L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi del Trentino, parla della performance Neif Marmoleda presso la Frida Street Gallery.

LA NEVE DIVENTA QUASI UN PEZZO D'ARTE
Performance dei ladini Riz e Soraperra per "salvare la Marmolada"

"Fermiamo lo scioglimento del ghiacciaio della Marmolada": è lo slogan dell'ultima performance artistica, dal messaggio forte coinvolgente, di Manuel Riz e Claus Soraperra. Entrambi di Canazei, l'uno fumettista e l'altro pittore, ambedue insegnanti nelle scuole della valle, Riz e Soraperra hanno convocato, venerdì scorso alle 18, una quarantina di amici in Strèda del Faure a Canazei, dove hanno inaugurato ufficialmente, con tutta l'ironia che li contraddistingue, la "Frida Street Gallery": nient'altro che una bacheca sulla via dove, da circa due anni, espongono opere che non passano inosservate agli occhi più attenti provocando, in primo momento, una risata e, subito dopo, naturali riflessioni su vicende che dalla Val di Fassa si allargano al Trentino (dal teleriscaldamento, allo sci, alle elezioni provinciali) e in generale alla nostra regione e al mondo.
Venerdì i due artisti hanno presentato l'opera inedita che ha per oggetto la Marmolada, della quale il 28 settembre si è celebrato, col concerto più alto delle Dolomiti, il secolo e mezzo dalla prima salita in vetta di Paul Grohmann.
"Vogliamo contribuire alla difesa della Marmolada - hanno esordito, in ladino, tra il serio e il faceto Riz e Soraperra - specie del ghiacciaio, ma non un quadro: già fatto! così siamo saliti sul ghiacciaio, abbiamo raccolto 35 palle di neve, le abbiamo riposte in vaschette di plastica, portate a spalla a valle in borse-frigo e stasera le consegniamo ai nostri ospiti perché le custodiscano nel freezer!
Gli alpinisti che ci hanno visto scavare, ci hanno presi per scienziati, ma ai più curiosi abbiamo precisato d'essere artisti impegnati a fermare lo scioglimento del ghiacciaio". Riz e Soraperra hanno poi svelato la bacheca, che contiene il frutto delle loro ricerche e dell'ascesa: foto delle palle di neve, dati sullo scioglimento del ghiacciaio e una mappa della zona di fine Ottocento col timbro Benjamin Bernard, podestà dell'epoca. Quindi, agli ospiti, assieme alle vaschette con la neve della Marmolada (numerate e con tanto di nominativo) è stata consegnata "con leggerezza" anche la responsabilità di questa montagna, tanto affascinante quanto priva di un progetto che la valorizzi.

Premio NOVELLO


PREMIO NOVELLO
dal 4 al 27 ottobre
CODOGNO (LO)
Vecchio Ospedale Soave, V.le Gandolfi 6

MARATONA DLES DOLOMITES 2014


Il TEMPO è stato il tema della 28° edizione della Maratona dles Dolomites, così dopo l'uscita dal mio luogo di meditazione ho partecipato come vignettista alla diretta televisiva andata in onda il 6 luglio su Rai 3.





La conduzione in studio è stata affidata a Stefano Garzelli e Alessandro Fabretti con gli interventi di Michil CostaDon Paolo Renner Luca Sofri oltre a vari ospiti che si sono via via susseguiti, il tutto accompagnato dalla musica di Alessandro TreboSimona BondanzaMauro Battisti e Rodolfo Cervetto.
Al termine della diretta con mio grande stupore mi hanno affidato il compito di premiare il podio femminile...



SCEDOLA PATOFIES

Scedola Patofies è un libro che raccoglie le Patofies (storielle) pubblicate mensilmente dal 2006 al 2013, sul giornale di notizie e cultura delle valli ladine La Usc di Ladins.
Il personaggio principale è SCEDOLA e le sue storie a fumetti narrano in maniera satirica le vicende politiche, sociali e di costume accadute nelle Dolomiti ed in particolare nelle valli ladine di Fassa, Badia, Gardena, Fodom ed Ampezzo.
Ad arricchire la pubblicazione sono presenti i testi introduttivi dell'artista Claus Soraperra sulla storia della satira ladina dai primi del '900 ai giorni nostri, dell'autore di fumetti Giuseppe Palumbo sul linguaggio del fumetto nella contemporaneità ed infine dell'autore del libro Manuel Riz sulle origini del personaggio.

TITOLO: Scedola Patofies
IDEAZIONE E DISEGNI: Manuel Riz
TESTI: Claus Soraperra, Giuseppe Palumbo, Manuel Riz
TRADUZIONI: Loreta Florian
FOTO: Franco Dezulian, Paolo Riz, archivio I.C.L.
EDITORE: Comun General de Fascia
GRAFICA: Misign
LINGUA: Italiano / Ladino
FORMATO: 34,5 x 23 cm
PAGINE: 100
ANNO: 2014
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545

Presentazione SCEDOLA PATOFIES


Il 9 maggio 2014 a Pozza di Fassa in occasione dell'Aisciuda Ladina ho presentato il libro Scedola Patofies, con l'introduzione di Claus Soraperra che ha parlato anche delle origini e dello sviluppo della satira ladina dai primi del '900 fino ai giorni nostri.
Al termine delle nostre chiacchere la festa è andata avanti con disegni, cena con specialità ladine dei Coghi de Fascia e musica dell'amico Giordan !






Satira ladina - ERCABOAN

Questo servizio televisivo parla della presentazione a Pozza di Fassa del libro Scedola Patofies, è andato in onda nel programma Ercaboan il 17 maggio 2014, a cura di Michele Carpano della Tv privata TML di Trento.

USC DI LADINS 23.5.2014


L'articolo a cura di Monica Cigolla della Usc di Ladins, parla della presentazione del libro Scedola - Patofies, tenutasi a Pozza di Fassa il 9 maggio.

TRENTINO 9.5.2014


L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi del Trentino, parla della pubblicazione del libro Scedola - Patofies .

MANUEL RIZ E IL SECONDO LIBRO SU "SCEDOLA"
Pozza, oggi pomeriggio la presentazione nell'ambito del programma dell'Aisciuda Ladina

"Scedola - Patofies" è una pubblicazione imperdibile per i fans del personaggio più irriverente della stampa ladina. La raccolta - curata nei dettagli, dalla copertina (rigida), alla carta (di grossa grammatura), ai colori (vivaci) - delle storie del fumettista di Canazei Manuel Riz, sarà presentata questo pomeriggio alle 17 e 30 all'oratorio di Pozza nell'ambito degli eventi per l'Aisciuda Ladina. Riz giunge, dopo il catalogo del 2005, al secondo libro del suo Scedola (truciolo, in ladino), protagonista ogni settimana delle vignette pubblicate da La Usc di Ladins.
Nato dal guizzo creativo di Riz, che partecipando nel 2000 al concorso della rivista ha inventato un personaggio fatto di linee coincise ed espressive, Scedola incarna con simpatia caratteristiche arcaiche e moderne dei ladini delle vallate del Sella ed è capace come scrive il suo disegnatore "di dare fastidio, con le sue battute taglienti, a personalità molto autorevoli". "In questa raccolta - spiega Riz - sostenuta dal Comun General de fascia e il benestare de l'Union Generela di Ladins, ho selezionato le storie lunghe, uscite mensilmente dal 2006 al 2013, quando l'esperienza si è conclusa, lasciando spazio solo alle vignette settimanali".
Riz accosta, così, i fumetti che in questi anni hanno fatto più divertire e discutere i fassani, ma anche badioti e gardenesi che apprezzano vivacità e sagacità (acuita da un idioma diretto come il ladino) di Scedola, trattando le vicende d'attualità locale, dal traffico sui passi dolomitici, agli Schützen, ma pure nazionali e internazionali, con la satira sui politici più noti da Berlusconi, a Bossi, fino a Papa Ratzinger. Ogni storia è accompagnata dalla contestualizzazione del fatto di cui tratta e dalla traduzione delle vignette in italiano.
Il libro nelle prime pagine, vede anche l'introduzione dell'artista (e amico) Claus Soraperra, che ripercorre la satira ladina dal primo Novecento a oggi, le note del maestro Giuseppe Palumbo, che illustra le sfaccettature del fumetto nell'epoca della sua maturità linguistica, e la spiegazione della nascita e delle caratteristiche di Scedola dello stesso Riz. Il volume, dopo la presentazione di Pozza, si potrà acquistare (costo: 20 euro) nella sede fassana della Usc di Ladins e all' Istituto Ladino di Vigo.

UN MATTONE PER LA RICOSTRUZIONE


L'associazione culturale Comix Comunity mi ha proposto di partecipare all' iniziativa "un mattone per la ricostruzione" che ha coinvolto artisti, fumettisti e illustratori, ai quali è stato consegnato un mattone da reinterpretare secondo il proprio estro creativo.
Il ricavato di ogni pezzo venduto l'associazione lo devolve direttamente a scuole ed enti delle zone terremotate dell'Emilia colpite dal sisma del 2012. Per maggiori info clicca QUI.

ALMANACH 2013


Il 9 febbraio presso il Comune di Canazei è stato presentato il secondo numero dell'ALMANACH, la rivista annuale edita dall'Union di Ladins de Fascia che raccoglie gli avvenimenti più importanti accaduti nel 2013 in Val di Fassa.

TITOLO: Almanach 2013
DISEGNI: Manuel Riz
TESTI: Valentina Redolfi, Lucia Gross, Monica Cigolla, Cristina Marchetti
EDITORE: Union di Ladins de Fascia
GRAFICA: D.Sign
LINGUA: Ladino
FORMATO: 33,5 x 24 cm
PAGINE: 52
ANNO: 2014
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545

Per ogni mese ho realizzato una storia a fumetti autoconclusiva su di un argomento scelto in collaborazione con le redattrici: Lucia Gross, Valentina Redolfi, Cristina Marchetti e Monica Cigolla.





La novità di quest'anno della rivista è lo ZODIACO LADINO DOLOMITICO, cercate il vostro segno qui sotto...

Muton (Ariete)

Toro (Toro)

Jomelins (gemelli)

Cancher (cancro)


Leon (leone)

Vergin (vergine)

Stadìa (bilancia)

Scorpion (scorpione)

Sagitarie (sagittario)

Capricorn (capricorno)

Aquarie (acquario)

Pesc (pesci)